Ecco la Sig.ra Giovanna Chirri, madre della Rinuncia al Papato

Come è successo che tutto il Mondo
crede che Papa Benedetto XVI
ha rinunciato al papato?

di Frà Alexis Bugnolo

Alle spalle di ogni grand’uomo, c’è una donna e dietro ogni grand’atto di un uomo, l’insistenza di una donna.

Oggi tutto il mondo, quasi, crede che Papa Benedetto XVI ha rinunciato al papato il 11 Febbraio 2013.

Così, cari lettori, forse pensate anche voi.

Ma la verità è stata oscurata a cagione della presunzione psicologica portata dall’annuncio della Sig.ra Giovanni Chirri. Sì!

Ma forse non l’avete mai sentito? A ragione del tweet della giornalista Giovanni Chirri, di ANSA, quasi tutti di noi hanno sentito:

Questo tweet è infatti l’annuncio primo della Rinuncia papale. Esso è stato subito la causa della fama della Sig.ra Chirri. Ha lasciato qualche intervista per la storia affinché possiamo capire giustamente la serie di eventi di quel giorno. Ecco la sua testimonianza pubblicata in Famiglia Cristiana il 11 Feb. 2016:

Benché il Concistoro a quel punto debba essere finito, il Papa resta seduto, e comincia a leggere, sempre in latino, da un foglio bianco che tiene in mano. Dice subito due cose: che non ha convocato i cardinali solo per i decreti delle canonizzazioni, ma deve dire una cosa “importante per la vita della Chiesa”, e che sta diventando vecchio: “ingravescente aetate”. A queste parole è come se una mano mi afferrasse la gola e mi si gonfiasse un palloncino dentro la testa: la “Ingravescentem aetatem” è il documento con cui Paolo VI tolse ai cardinali ultraottantenni il diritto di eleggere i papi, sono le parole per il pensionamento.Benedetto XVI continua a parlare nel suo latino che per fortuna mi suona molto più comprensibile di quello del cardinale Amato, parla a lungo, dicendo di non aver più le forze per governare la barca di Pietro in un mondo sempre più veloce. Spiega che in coscienza ha deciso di lasciare, che i cardinali dovranno tenere un conclave per l’elezione del successore e stabilisce l’inizio della sede vacante alle 20 del 28 febbraio.

Io sento ma è come se non sentissi, continua a mancarmi il fiato e le gambe mi tremano da seduta, la sinistra non riesco proprio a tenerla ferma, neppure bloccandola con il palmo della mano. Comincio a telefonare a raffica cercando aiuto e conferme. In Vaticano, dove ovviamente tutti avevano altro a che pensare, nessuno mi risponde. Sono in preda ad una sensazione di terrore che non ho mai provato in vita mia. Intanto papa Ratzinger ha finito di parlare. Alcuni volti dei presenti sono attoniti, monsignor Guido Pozzo, vicino a lui, sembra impietrito, diversi porporati hanno lo sguardo fisso e i muscoli facciali immobili. Nel silenzio irreale il decano del collegio cardinalizio, Angelo Sodano, dice, in italiano, che “la notizia ci coglie come un fulmine a ciel sereno”.

Nella lettura di questa testimonianza si vede subito che dopo 3 anni ha capito il suo errore in parte. Non parla più di una rinuncia al papato, ma espressamente parla di una rinuncia al ministero.

Quindi, se il 11 Febbraio 2013, la Signora Chirri ha annunciato al mondo una cosa, e tre anni dopo ha spiegato che Benedetto ha rinunciato ad un’altra cosa, forse dobbiamo svegliarci dalla presunzione che il primo annuncio è stato giusto? Si pensa di sì!

Fate paragone con la sua testimonianza un anno dopo la rinuncia, in una intervista con Antonio Sanfrancesco, sempre della Famiglia Cristiana, in un articolo intitolato, La Giornalista che diede la notizia, Non rispiravo, ero terrorizato (qui). Un titolo che non indica al lettore una mente precisa al quel momento storico.

Questa storia, e il cambio nella narrativa, è importante per tutti noi, perché  secondo la norma di Diritto Canonico non si trova nessun canone che riguarda una rinuncia al ministero!  Questo è perché nel Codice di Diritto canonico di 1983, il ministero non è associato al potere o all’ufficio, soltanto all’azione o all’esecuzione di incarico o di dovere. In più, in canone 1331 §2 °4, il ministero non si trova nell’elenco di quelle cose che sono vietate a una persona scomunicata! Quindi, una scomunicata possa conseguire un ministero nella Chiesa!

Ovviamente, se la cosa secondo il suo genere a cui Papa Benedetto ha rinunciato il 11 Febbraio 2013 è una cosa che qualcuno non in comunione con la Chiesa o con il Papa possa esercitare, come sia possibile che in rinunciandole Papa Benedetto XVI ha separato se stesso dall’ufficio papale? Che contraddizione! Non è proprio ragionevole pensare così!

Quindi, la Sig.ra Chirri non sembra di difendere più il suo tweet di 11 Febbraio 2013, quando ha detto:

Infatti, leggiamolo rigorosamente:  contiene le parole dimesso, lascia e pontificato. Ma è evidente che nell’atto della rinuncia, Papa Benedetto non ha usato in Latino termini che significano dimesso, lascia o pontificato!

Quindi, in senso proprio e rigoroso, il suo tweet è stato una interpretazione o imposizione di significato che emanava dalla sua mente in quel momento di sconvolgimento quando come giornalista voleva avere un “scoop” prima che tutte le altre giornaliste.

Adesso, comunque, forse è tempo per riconoscere che nessuno di noi sia obbligato più a capire l’atto della rinuncia secondo la mente della madre della rinuncia papale.  Dico, “la madre della rinuncia” perché nel cospetto del mondo intero, ha dato senso all’atto: un significato che tutti che studiano il Diritto canonico si sforzano per trovarlo nel Codice, ma non lo trovano.


CREDITS: Testo di Famiglia Cristiana citato dall’articolo citato qui sopra. L’immagine in evidenza, della Sig.ra Chirri trovato sulla pagina di Famiglia Cristiana nel articolo di 11 Febbraio 2014, citato qui sopra, ma senza attribuzione di proprietà intellettuale. Si presume fair use per tutti due. Il tweet di Chirri è replicata dal suo conto su Twitter che è ancora in rete.

Un commento su “Ecco la Sig.ra Giovanna Chirri, madre della Rinuncia al Papato”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *