Separati dal vero Papa, non rimarrete cattolici a lungo

di Frà Alexis Bugnolo

San Paolo ci ha avvertito molto tempo fa: Attenzione, disse, perché non tutti gli uomini hanno la Fede! Lo disse alla fine della sua seconda Lettera ai Tessalonicesi, ai quali rivelò tante cose sugli ultimi giorni e sull’Anticristo (o sugli Anticristiani) a venire. Ecco la versione italiana di Mons. Antonio Martini di 2 Tess. 3, un testo di San Paolo che i modernisti non predicano più. Ma di cui voglio parlare in questo articolo. L’Apostolo scrive:

Del rimanente, fratelli, pregate per noi, affinchè la parola di Dio corra, et si glorificata, come già tra di voi: 2 E affinchè siam liberati dai protervi, e cattivi uomini: imperocchè non è di tutti la fede. 3 Ma fedele è dio, il quale vi conforterà, e vi difenderà dal maligno. 4 Abbiamo questa fidanza nel Signore rispetto a voi, che quanto vi abbiamo ordinato, e lo fate, e lo farete. 5 Il Signore poi governi i vostri cuori con la carità di Dio, e con la pazienza di Cristo.

6. Vi facciam poi sapere, o fratelli, nel nome del Signor nostro Gesù Cristo, che vi ritiriate da qualunque fratello, che via disordinatamente, e non secondo la dottrina, che hanno ricevuta da noi. 7 Imperocchè voi sapete, come dobbiate imitar noi: imperocchè non ci portammo inordinatamente tra voi: 8  Nè mangiammo a ufo il pane di veruno ma con fatica e stento lavorando dì e notte, per non essere di aggravio ad alcuno di voi: 9 Non come se non avessimo potuto farlo, ma per darvi noi stessi modello da imitare.

10 Imperocchè eziandio allorchè vi eravamo dappresso, v’intimavamo; che chi non vuol lavorare, non mangi. 11 Imperocchè abbiamo udito, che alcuni tra voi procedono disordinatamente, i quali non fanno nulla, ma si affaccendano senza pro. 12 Ora questi tali facciam sapere, et gli scongiuriamo nel Signor Gesù Cristo, che lavorando in silenzio mangino il loro pane. 13. Ma voi, o fratelli, non vi rallentate nel ben fare. 14 Che se alcun non ubbidisce a quanto diciamo per lettera, notatelo, e non abbiate commercio con esso, affinchè n’abbia confusione: 15 E non riguardate come nimico, ma correggetelo come fratello.

16 E lo stesso Signor della pace dia sempre a voi pace in ogni luogo. Il Signore sia con tutti voi. 17 Il saluto di mano di me Paolo: questo è il sigillo in ogni mia lettera: scrivo così.

18 La grazia del Signor nostro Gesù Cristo con tutti voi. Così sia.

La cattiva compagnia fanno le cattive aziende

Dio ci ha fatto conoscere la Verità e la Verità ci renderà liberi, perché Dio nostro Creatore è la Verità. Ne consegue che noi esercitiamo la nostra mente e la nostra volontà in ciò che è più essenzialmente diretto alla nostra perfezione e al nostro destino quando acconsentiamo a qualsiasi verità e usiamo la volontà di trovarla, di conservarla e di metterla in pratica.

Ma qualsiasi membro del clero, religioso o laico – qualsiasi eremita – che vi nasconda la verità, allora, non è chiaramente onesto, non sta facendo ciò che il Creatore vuole. Questo è particolarmente vero se la verità che nascondono è una verità rivelata da Dio o la cui importanza dipende direttamente da ciò che Dio ha detto.

I nemici di Pietro sono i nemici di Cristo

Cristo disse a Pietro che qualsiasi cosa avrebbe legato sulla terra sarebbe stato legato anche in cielo. Tutti i veri cattolici lo accettano. Tutti i falsi cattolici lo ignorano.

La Chiesa cattolica per più di 1000 anni ha considerato questa dottrina così centrale per il vero cristianesimo che era disposta a lasciare in posto uno scisma con i greci e a non tirarsi indietro sul dovere di tutti i cristiani di considerare i decreti dottrinali e disciplinari del Romano Pontefice come obbligatori, in virtù di queste stesse parole di Gesù Cristo.

Ecco perché non si può essere onestamente cristiani, se non si è onestamente cattolici che si sottomettono al Romano Pontefice. Ed è anche per questo che i nemici di Pietro sono i nemici di Cristo, perché se si rifiuta l’uno, si dà del bugiardo all’altro o si considera l’altro come non Dio.

Pietro ci ha detto quando Pietro è e non è Pietro

E per non confondere nessuno, è il Romano Pontefice che ha stabilito nel Diritto Canonico i termini con cui tutti possono oggettivamente e facilmente sapere quando un uomo è il Romano Pontefice e quando non lo è.  Ignorare queste regole del diritto canonico è grave quanto disobbedire al Romano Pontefice e andare in scisma, perché è un atto con cui si dice: “Inventiamoci il nostro modo di essere cristiani, a parte della sottomissione al Romano Pontefice”.

Per questo possiamo essere assolutamente e soprannaturalmente certi al cento per cento che Cristo Gesù non considera nessun uomo il suo Vicario sulla terra, se la pretesa di quell’uomo di essere papa non è conforme alle norme del diritto canonico e del diritto pontificio.

Il corollario è che, possiamo essere assolutamente e soprannaturalmente certi al cento per cento che Cristo Gesù non considera più alcun Vicario suo sulla terra, se la rinuncia di quell’uomo non è conforme alle norme del diritto canonico e del diritto papale.

Poiché questa è la Fede cattolica, ho indagato a fondo su entrambe le questioni, la prima nei confronti di Bergoglio, la seconda nei confronti di Benedetto. Non l’ho fatto per capriccio, l’ho fatto per fede soprannaturale.

Su questo principio non ci sono dubbi: Un uomo è o non è papa, o è o non è più il papa, in base alle leggi della Chiesa nel momento in cui inizia o cessa di essere papa. Questo principio giuridico è stato riconosciuto nel tempo del antipapa Anacleto II e nella sua sconfitta da parte di Papa Innocenzo II, sconfitta che fu assicurata da San Bernardo di Chiaramonte, venuto a Roma per predicare i fatti di diritto sulla contestata elezione del 1130 d.C..

Tutti i libri stampati nella Chiesa cattolica dal 1130 fino al febbraio 2013 erano d’accordo. Papa Innocenzo II era il papa valido, Anacleto l’antipapa, perché papa Innocenzo fu eletto secondo la legge del suo predecessore, la quale  nelle ultime settimane della sua vita cambiò i termini di un’elezione papale. Ma Anacleto sosteneva di essere stato eletto secondo la norma precedente.

Per il modernista, anche se sostiene di essere un Trad …

Per il modernista non c’è una verità fissa né duratura. Ciò che era vero ieri, potrebbe non esserlo e probabilmente non lo è oggi. Tutto è in cambiamento e in sviluppo. Tutto deve essere vivo, dicono, ma in realtà vogliono dire, deve morire.

Tutti coloro che hanno cambiato i loro concetti su ciò che fa un vero Papa, l’11 febbraio 2013, sono ingannati dal Modernismo o sono modernisti, anche se affermano di essere cattolici tradizionali. Questo include tutte le pubblicazioni del cosiddetto Movimento Cattolico Tradizionale che sostengono che Benedetto non è più il Papa. Perché il canone 332 §2 non è cambiato e dice che un papa si dimette quando si dimette suo muneri, non ministerio. Il Vaticano lo sa e ha cercato di nasconderlo, e l’ho dimostrato indiscutibilmente più di 6 mesi fa. (Vedi l’Indice di articolo sulla rinuncia di papa Benedetto)

La sorprendente Ann Barnhardt, nel suo recente podcast, ha rivelato che anche Chris Ferrara, il famoso avvocato, che scrive per diverse pubblicazioni del movimento tradizionale cattolico, ha ammesso che essa ha ragione sui punti del diritto canonico riguardanti la mancata rinuncia. Le ha detto, mi pare, nel 2016. Ma Chris riconosce ancora Bergoglio come papa. L’unica valutazione onesta è che Chris non è onesto né con il pubblico né con la propria coscienza.

Dal mio lavoro qui a Roma, sento che lo stesso giudizio vale per tutti gli esperti. Basta dire che Benedetto è il Papa e loro non ridono, attaccano. Vogliono che tu stia zitto, o che te ne vada. Sono segni di coscienze profondamente combattute.

Se non è cattolico, non è cattolico

Gli uomini che vogliono essere visti come cattolici, ma che non saranno responsabilmente fedeli ai doveri della fede, non dovrebbero essere considerati cattolici fedeli. Coloro che consapevolmente ingannano i fedeli su chi è il vero papa e chi non è il vero papa NON sono coinvolti in una piccola o piccola controversia. Essi SONO ATTIVAMENTE SCISMATICI E PROMUOVENTI di scisma.

San Paolo ci ha messo in guardia da questi uomini e ci ha detto cosa fare al riguardo.

Il vero Papa è il collo mistico della Chiesa

Se voi siate separati dal vero Papa, non rimanerete cattolici a lungo. Sì, questi uomini che si comportano come modernisti – non immagino che lo siano, ma sono costretti dal loro amore di essere accettati da uomini erranti che hanno denaro e potere – hanno lasciato andare le verità essenziali della Fede cattolica. Ma anche voi, se seguite coloro che vi ingannano in tali questioni, perderete presto la vostra fede. La Chiesa diventerà qualcosa di simile a ciò che hanno gli anglicani, un cristianesimo tutto da voglia, che mantiene i nomi e le apparenze esteriori, ma che da tempo ha abbandonato la dottrina, la morale e la fede.

La stessa cosa vediamo accadere con questi falsi Tradizionalisti. Ora stanno cercando di reinventare la definizione di infallibilità papale e hanno totalmente ignorato gli insegnamenti di Cristo e dei santi sull’indefettibilità papale. Stanno piegando la dottrina per inventare una scusa per rimanere in comunione con un ovvio falso e antipapa, mentre rifiutano la comunione con il vero Papa che difende il celibato. Attaccano persino il vero Papa per giustificare le loro falsità!

Ecco perché tutti gli scismatici hanno perso la vera Fede, perché non sono più in unione con il collo mistico del Corpo mistico e quindi non sono più in comunione con Cristo Capo. Chi cade in tali peccati non può essere salvato, perché non c’è salvezza per chi muore separato da Cristo.

_________

CREDITS: L’imagine in evidenza è un foto scattata da Frà Bugnolo della Piazza di San Pietro al Vaticano. Usato con permesso.

Un commento su “Separati dal vero Papa, non rimarrete cattolici a lungo”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *